Blog

Il pensiero dentro

braccialetto_per_controllare_la_casa_con_il_pensiero
Luca Nali

Il pensiero dentro

Nella fisica quantistica quello che fa la differenza è l’osservatore; infatti, in virtù di questo principio, le cose accadono nel momento in cui è l’osservatore a considerarle e quanto accade non è uguale per tutti, ma viene filtrato attraverso l’indole dell’osservatore.
In questo periodo, così particolare, dovremmo spaccare il paradigma cui siamo, oramai, assuefatti e cioè quello di vivere, per sentirci in sicurezza, una vita il più tutelata possibile. Ciò che andrebbe fatto, invece, è vivere una vita in esplorazione così che quando moriremo, e passeremo all’altra condizione, saremo molto più formati.


Quello che sta accadendo non è parte della realtà, ma della considerazione che mette in atto la persona che osserva.
Incontro quotidianamente molte persone con le quali interagisco anche intimamente; spesso mi raccontano le loro vicissitudini e mi accorgo che, tra loro, ci sono quelli che, in questo periodo, hanno avuto un’espansione incredibile e che li ha completamente trasformati. Ora sono più forti, più consapevoli, più saggi e profondi oltre che più gioiosi e realizzati. Poi ci sono quanti non riescono a esprimere loro stessi e stanno implodendo a causa delle limitazioni cui stiamo assistendo.
Chiariamo, quindi e una volta per tutte, quale sia lo scenario necessario per vivere quest’esperienza.
Quando cambia l’osservatore cambia non solo quanto osserva, ma cambia la realtà in termini di energia.
Quando ci sono una serie di situazioni che remano contro, quelle che il Transurfing definisce “banda nera”, non è la vita ad “andare contro”, ma sono quella sorta di pensieri ricorrenti che riconducono a elementi catastrofici e il mondo, di conseguenza, vi si prepara.
Dovremmo sempre immaginare il mondo fenomenico come qualcosa di liquido, qualcosa che si adatta al contenitore che andrà a contenerlo.
Noi siamo il contenitore e il mondo che si manifesta, con tutti i fenomeni possibili e immaginabili, si adatta perfettamente a quella che è la nostra struttura e condizione.
Di conseguenza, è fondamentale lavorare in questo senso e soprattutto divertirsi nel modificare il nostro contenitore.
Cosa accade, dunque, e cos’è necessario fare per cambiare la nostra condizione? Ci sono nozioni propedeutiche che servono per prepararci, e adeguarci, a un determinato tipo di cambiamento. Non dimentichiamo che il cambiamento è subitaneo, accade all’improvviso.
Invecchiamo all’improvviso, c’innamoriamo all’improvviso, entriamo in crisi all’improvviso, etc. etc.. Ci sono, poi, sfumature che intervengono tra un momento e l’altro legate alla nostra capacità di percepirle, ma il cambiamento è sempre improvviso.
Quando una persona ha, realmente, intenzione di cambiare una condizione e vuole farlo istantaneamente può usufruire dell’effetto tunnel che consiste nel passaggio da un evento all’altro. É necessario, dunque, fare un refresh.
La persona prende atto, in maniera onesta, della sua condizione e a voce alta dichiara il proprio nome e descrive le circostanze in cui si trova. Poi, sempre a voce alta e ripetendo il proprio nome, afferma: “Ora cambio e divento (pronuncio il mio nome) che vive una vita pazzesca.” A quel punto, fa un passo e si sposta di almeno un metro mentre dichiara quanto sente di voler essere.
Quando si fa questo passaggio, è importante che ci siano gli elementi utili ad accogliere tutta la magnificenza che si manifesterà perché, paradossalmente, siamo maggiormente abituati ad un contesto disgraziato piuttosto che a uno fortunato.
Cos’è che ci terrorizza maggiormente? Il fatto di dover morire oppure quello di vivere in eterno?
Siamo, per lo più, terrorizzati dalla nostra potenza, dalla nostra magnificenza e questo, apparentemente, sembra un paradosso ma in realtà è proprio così.
Quando una persona è consapevole di essere Dio per la propria realtà, di essere il Creatore della propria vita, istantaneamente sopravvengono elementi che non sono auspicabili come, per esempio, la solitudine o la responsabilità. Di conseguenza, si preferisce restare nella condizione di mediocrità con la quale abbiamo maggiore confidenza, abituati per tutta la vita a sottostare a decisioni che altri hanno preso per noi…
Se si decide di cambiare un certo tipo di condizione è fondamentale prendere atto che dovrà cambiare il modo di percepire il mondo e che, qualora ci fossero pensieri negativi, si renderà necessario procurare un shock emozionale facendo cose nuove come cambiare, o modificare, il percorso che siamo soliti fare ogni giorno, o spostare parte dell’arredo, oppure cambiare stile. Attuare, cioè, un cambiamento che si rifletterà nella nostra energia, nel nostro campo energetico.
Per le persone che vivono una condizione disgraziata l’aspetto più importante è rendersi conto che si tratta di un effetto provocato dalla loro stessa indole e questo viene confermato dal fatto che, nel medesimo ambiente, ci sono altri che, al contrario, vivono esperienze potenzianti.
Siamo consci che questo sistema non ci sta rubando soltanto la libertà, ma ci sto portando via la fantasia, la possibilità d’immaginare e sentire la vita altrimenti. Dobbiamo, dunque, comprendere per quale ragione siamo coinvolti in questo gap (o pendolo, per chi conosce il Transurfing).
Ci fanno infuriare applicando norme estenuanti e che centellinano con maestria ed è proprio a causa della reazione suscitata dal loro comportamento che ne siamo coinvolti. Nel momento in cui reagiamo a quanto fanno, o dicono, saremo nel loro criterio d’impostazione della vita e non saremo in grado di fare cose grandiose.
Possiamo avere, da un momento all’altro, tutto ciò che desideriamo semplicemente liberandoci dalla morsa in cui ci tengono.
La gestione della masse, loro, l’applicano da moltissimi anni e sono, quindi, piuttosto esperti; dobbiamo impegnarci a non osservare quanto non vogliamo vedere e dedicarci, concentrarci, su quello che desideriamo per la nostra vita.

Commenti (1)

  1. Ottimo articolo

Lascia un commento

Categorie

Archivi

I Corsi di Inzaion

Tramite questo form è possibile richiedere senza impegno informazioni sui nostri corsi. La Tua richiesta verrà analizzata e verrai contattato tempestivamente dal nostro staff